Educazione/Formazione
Progetto concluso

Invertiamo la rotta

Promuovere e attuare percorsi di formazione e crescita per giovani in condizioni di disagio sociale attraverso la navigazione in barca a vela.

Matti per la Vela Onlus nasce nel 2004 a Genova con l’obiettivo di promuovere esperienze di navigazione per soggetti in condizioni di disagio psichico e sociale, in collaborazione con lo Yacht Club Italiano e supportata da testimonial d’eccellenza come Giovanni Soldini. Successivamente l’associazione ha rivolto la sua attenzione anche al mondo della disabilità e del disagio giovanile per promuovere percorsi educativi di benessere e integrazione attraverso la pratica della vela.

Il progetto Invertiamo la rotta nasce dall’incontro tra l’Associazione Matti per la Vela Onlus e un gruppo di giornalisti finanziari con la passione per la vela e per il sociale.

Si tratta di un progetto triennale studiato in collaborazione con gli enti locali liguri, toscani e lombardi che quotidianamente seguono i minori; un modello che ha riscosso anche l’interesse della facoltà di Psicologia dell’Università La Sapienza di Roma.

La barca a vela e il mare rappresentano “l’avventura”, elemento centrale per sviluppare processi di crescita e cambiamento significativi. La barca è un microcosmo dove tutti sono esposti al controllo di tutti e dove è più facile guidare trasformazioni e cambiamenti. Si naviga se a bordo si crea un clima capace di sviluppare nel singolo la responsabilità, l’indipendenza e la cooperazione, basi fondamentali della vita sociale.

Il triennio che prende avvio quest’anno è rivolto a dieci ragazzi, di età compresa tra i 13 e i 18 anni, che formeranno due equipaggi: uno milanese, supportato dalla COMIN (Cooperativa Sociale di Solidarietà milanese), e uno di Livorno sostenuto dall’ASL locale.

Lo staff tecnico di Matti per la vela è composto da skipper, educatori nautici e psicologi, oltre che da un’equipe dell’associazione nazionale Unione italiana vela solidale (Uvs) di cui Matti per la Vela è socia.

Il percorso educativo sarà personalizzato e gli obiettivi saranno concordati in equipe e condivisi col ragazzo. Punterà allo sviluppo dell’autostima e della responsabilità verso se stessi e gli altri, a un maggior equilibrio nella gestione delle sfide quotidiane, e a confrontarsi con paure e insicurezze, riscoprendo il valore del limite personale e del gruppo.

Per ciascuno dei tre anni del progetto sono previste nove giornate a terra e nove in mare; le attività si svolgeranno nei weekend. Per il primo anno sono state messe a disposizione del progetto due 50 piedi – Grampus e RaJ di base tra Genova e Livorno – che permetteranno di formare due equipaggi composti ciascuno da cinque ragazzi, due educatori, uno psicologo, un osservatore esterno, uno skipper e un marinaio.

L’intervento della Fondazione De Agostini ha permesso a Matti per la Vela di coprire la parte finanziaria ancora mancante allo sviluppo globale del progetto.

Ultimi contenuti correlati

Iscriviti alla nostra newsletter

Utilizzando il sito, accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra.

Maggiori informazioni.