Job station «Milano via Marsala 8»
Un centro di smart working per giovani con disabilità psichica
2018

Job station «Milano via Marsala 8»

Milano
Progetto aperto
Download PDF

Ente Beneficiario

Fondazione Progetto Itaca Onlus

Altri partner del progetto

Assessorato alle Politiche Sociali e Servizi per la Salute del Comune di Milano

Finalità

Un centro di smart working per giovani con disabilità psichica

Contesto

Da quasi vent’anni Progetto Itaca promuove iniziative a sostegno delle persone affette da disturbi della salute mentale

Intervento

Progetto Itaca nasce a Milano nel 1999 con lo scopo di attivare iniziative e progetti di prevenzione, solidarietà e assistenza destinati a persone affette da disturbi della salute mentale, e per supportare le loro famiglie. Oggi è presente in dodici città italiane.

Nel 2005 a Milano apre la prima “clubhouse”, struttura diurna non sanitaria, gestita con una filosofia precisa: Club Itaca è una comunità che lavora assieme per un obiettivo condiviso, quello di aiutare le persone che convivono con una malattia psichica a reinserirsi nel mondo degli affetti famigliari, dell’amicizia, dell’istruzione e del lavoro.

Nel 2012 la Fondazione De Agostini sostiene, insieme con Enel Cuore Onlus e Fondazione Vodafone Italia, l’apertura del Club Itaca di Palermo. L’associazione è presente anche a Roma, Firenze, Napoli e Parma.

Da una collaborazione con la Fondazione Italiana Accenture, nel 2013 Progetto Itaca avvia per i propri soci il Programma Job Station, centro di smart working per giovani con disabilità psichica, fondato sul principio dell’occupazione a distanza e della gestione flessibile e autonoma dei flussi di lavoro.

La Job Station è un luogo accogliente dove la persona può lavorare in serenità con il supporto di tutor esperti; gli spazi sono fisicamente separati dalla sede dell’azienda, ma i lavoratori ospitati sono in continuo contatto con i colleghi attraverso gli strumenti tecnologici a disposizione.

Il progetto rappresenta una soluzione creativa e intelligente per il collocamento mirato, a disposizione delle aziende che possono così ricorrere a personale specializzato nella gestione delle risorse in categoria protetta, massimizzando la produttività e riducendo al minimo il rischio di insuccesso dell’inserimento lavorativo di questi soggetti. I benefici che questa condizione lavorativa porta, sia alla persona con disagio psichico sia all’azienda, sono evidenti ed emergono da alcuni numeri: in quattro anni di attività il centro Job Station di Milano ha attivato oltre cinquanta contratti di lavoro che hanno coinvolto dodici aziende partner di medie e grandi dimensioni.

Nell’ambito di un confronto tra l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino, e Progetto Itaca, è stata individuata una nuova sede per la Job Station di Milano nel contesto della Casa del Volontariato di via Marsala, concessa a titolo gratuito dal Comune: è nato così lo spazio «Milano via Marsala 8 – una casa per il lavoro di giovani con disturbo mentale».

Il passaggio presso una sede pubblica fa sì che il servizio di integrazione lavorativa sia aperto alla cittadinanza e gestito in collaborazione con il Centro di Mediazione al Lavoro del Comune di Milano, integrandosi nell’offerta pubblica delle politiche attive per il lavoro, rivolta in particolare a persone con fragilità.

Beneficiari del progetto sono giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni con disturbi mentali quali depressione maggiore, psicosi e disturbi della personalità, per lo più con invalidità civile. Nel primo anno saranno coinvolti tra i dieci e i quindici beneficiari che potranno raddoppiare nel successivo periodo di stabilizzazione del progetto.

La Fondazione De Agostini sostiene l’avvio della sperimentazione e il consolidamento del servizio nel primo anno di attività.

 

www.progettoitaca.org