Educazione/Formazione
Progetto aperto

«Liceo del lavoro» Scuola Oliver Twist

Rimotivare allo studio e all’apprendimento ragazzi in dispersione scolastica, offrendo loro un percorso di alternanza scuola-lavoro

Nel 2008 la Fondazione De Agostini, tra i primi importanti progetti, ha sostenuto Cometa nella realizzazione della Scuola Oliver Twist a Como, alto modello educativo con una forte correlazione tra scuola e lavoro e concrete opportunità di crescita professionale e umana.

Dalla sua edificazione la scuola promuove una proposta innovativa denominata «Liceo del lavoro» il cui obiettivo è rimotivare allo studio e al’’apprendimento ragazzi in dispersione scolastica, offrendo loro un percorso di alternanza scuola-lavoro.

Il percorso, rivolto a ragazzi tra i 16 e i 18 anni e con una durata sino a tre anni, è studiato per ogni singolo individuo e si articola in tre fasi:

accoglienza per la conoscenza del ragazzo e della famiglia e definizione del patto educativo/formativo. In questa fase viene anche individuato il tutor di riferimento che sarà il referente privilegiato per l’accompagnamento del ragazzo;

costruzione del percorso che comprende l’attività formativa sulle competenze di base (con lezioni in aula di italiano, inglese, matematica e informatica), il tirocinio formativo presso un’azienda, l’inserimento in un Project Work nell’ambito della ristorazione, della falegnameria, della manutenzione del verde per lo sviluppo di competenze trasversali;

valutazione finale del ragazzo e delle competenze acquisite svolta attraverso una sintesi dei dati, schede di progettazione e valutazione del tirocinio formativo, strumenti di autovalutazione.

Finanziato grazie a un bando del programma di Eccellenza della Regione Lombardia, in questi anni il progetto ha seguito 160 ragazzi dei quali il 75% ha trovato un impiego fisso mentre gli altri hanno ottenuto un contratto di apprendistato.

Oggi il programma Regionale è sospeso, ma in carico al «Liceo del lavoro» risultano ancora trentatré ragazzi, diciotto avviati nel settembre 2012 e quindici che hanno iniziato nel 2011 e ai quali mancherebbe ancora un anno per completare il percorso; inoltre, quarantasei sono in lista d’attesa per l’ammissione. La Scuola intende portare a termine almeno il percorso dei trentatré ragazzi già in carico.

L’elevata qualità dell’offerta che coinvolge un’equipe specialistica comporta un onere economico non indifferente; obiettivo dunque è trovare una borsa di studio per ogni ragazzo a cominciare da quelli già in carico.

La Fondazione De Agostini ha scelto di sostenere dieci ragazzi del «Liceo del lavoro» con altrettante borse di studio.

Contenuti Correlati

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, e i cookie statistici. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.