Educazione/Formazione
Progetto aperto

Riorganizzazione modello di intervento comunità residenziali minori

Interventi educativi di eccellenza e sempre all’avanguardia per le tre comunità minori di CAF Onlus

L’Associazione CAF – Centro Aiuto Minori e Famiglie di Milano, primo Centro in Italia dedicato all’accoglienza, alla terapia e allo studio del maltrattamento infantile e dell’abuso, a quarant’anni dalla sua fondazione mantiene inalterato il proprio fine: offrire ai minori di cui si prende cura interventi di eccellenza attraverso una metodologia specifica e ben definita.

A livello europeo non esiste ancora una condivisione delle pratiche di intervento nei confronti dei minori allontanati dalle loro famiglie e neppure sono stati avviati adeguati processi di valutazione dei risultati, né implementate le migliori prassi.

L’esperienza di questi anni ha permesso al CAF di comprendere che è giunto il momento di riorganizzare il modello di intervento nelle sue tre Comunità residenziali per minori di età dai 3 ai 12 anni, in linea con quanto rilevato e indicato dagli studi medico- scientifici a livello internazionale.

Il progetto si propone quindi di:

  • aggiornare il modello psicopedagogico di intervento dedicato alla fascia 3-12 anni (terapie cognitivo-comportamentali) attraverso una formazione specifica degli operatori di comunità (educatori, coordinatori, psicologi) che guidi e orienti il loro agire quotidiano secondo il nuovo approccio;
  • attivare l’intervento psicoeducativo con i minori di 3-12 anni in una nuova modalità operativa, attraverso la collaborazione congiunta di tutti i professionisti coinvolti (educatori, responsabile tecnico scientifico, supervisore clinico);
  • applicare il nuovo modello di intervento nel periodo post-emergenza Covid. Il lockdown di questi mesi ha infatti alterato ogni forma di regolarità nella vita quotidiana dei minori in comunità – che è alla base dell’equilibrio di ogni bambino allontanato dalla famiglia – e in alcuni casi ha generato pesanti effetti negativi dovuti al prolungato isolamento.

La formazione specifica delle due équipe, psicologica ed educativa, è affidata a una psicologa-psicoterapeuta mentre la direzione clinica e la supervisione sono a cura di un’esperta di tutela dei minori.

La Fondazione De Agostini sostiene questo importante intervento, che riguarda le tre Comunità residenziali per minori di età 3-12 anni del CAF e coinvolge tutto il personale educativo insieme ai 30 minori ospiti delle Comunità.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, e i cookie statistici. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.