Pantonoikia – la casa di tutti
Un percorso di emancipazione per persone fragili desiderose di diventare protagoniste della propria vita
2014

Pantonoikia – la casa di tutti

Zinasco (Pv)
Progetto concluso
Download PDF

Enti beneficiari

Associazione U.C.A.P.Te (Una Casa Anche Per Te)

Finalità

Un percorso di emancipazione per persone fragili desiderose di diventare protagoniste della propria vita

Contesto

Una rete di persone e dei luoghi  per vivere concretamente l’accoglienza e l’apertura all’altro

Intervento

L’associazione di solidarietà familiare Una casa anche per te Onlus (U.C.A.P.Te) nasce nel 2000 dal desiderio di alcuni giovani e di alcune famiglie dell’oratorio Don Bosco di Paderno Dugnano di costruire una rete e dei luoghi attraverso i quali vivere l’apertura all’altro e l’accoglienza come elemento essenziale del proprio modo di intendere la vita.

Sin dalla sua nascita articola i suoi interventi in tre diverse aree:

  • l’accoglienza di minori attraverso differenti modalità  e progetti;
  • l’organizzazione di servizi per il territorio, per le famiglie e per i minori: centro diurno e laboratori educativi, iniziative educativo-ricreative, soggiorni e periodi di vacanza, percorsi per l’autonomia abitativa e l’inserimento lavorativo;
  • l’accoglienza presso appartamenti di nuclei familiari o monoparentali  in condizioni di grave disagio.

Presidente di U.C.A.P.Te è don Massimo Mapelli responsabile della Caritas Ambrosiana per la Zona Sei, che nel 2002 aveva seguito don Colmegna nell’avventura della Casa della Carità. Nel 2010 l’associazione riceve in comodato d’uso gratuito la Cascina Triulza dove viene aperta Casa Homer, una comunità per l’accoglienza di minori, molti dei quali stranieri non accompagnati.  Il progetto cresce e la struttura inizia ad accogliere anche famiglie e adulti in difficolta: il supporto alla famiglia è condizione fondamentale per sostenere i minori e offrire loro un’opportunità vera di recupero.

Cascina Triulza è in area Expo e nell’estate 2013 Casa Homer trasloca a Zinasco (Pv) presso La Cascinetta, acquistata con fondi propri e con contributi di «Expo 2015» e della Diocesi di Milano.

La proprietà si compone di una casa già abitabile che accoglie i minori, e di un ex fienile che con un finanziamento di Enel Cuore sarà adibito a casa di accoglienza per donne sole con minori a carico e/o vittime di violenza o in residenza protetta, nuclei familiari profughi e/o richiedenti protezione internazionale.

Il tema della casa e dell’abitare è condizione imprescindibile per la conquista di un’autonomia di vita che garantisca i livelli essenziali per l’accudimento di sé e il supporto ai minori, presupposti alla progettazione di un percorso verso l’inserimento sociale e lavorativo. In particolare la famiglia monoparentale, dove le fragilità della mamma e del bambino/i si sommano, rischiando di scivolare in un percorso di esclusione sociale e di povertà.

Il progetto Pantonoikia (dal greco «la casa di tutti») si rivolge a famiglie monoparentali e a soggetti socialmente fragili desiderosi di seguire un percorso di emancipazione per diventare protagonisti della propria vita.

Gli operatori svolgeranno il ruolo di accompagnatori di queste persone in un percorso – verificato e rivalutato ogni volta che si renderà necessario – che in relazione ai bisogni, alle fragilità e alle capacità di ciascuno li guidi al raggiungimento di una maggiore autonomia in tema di casa, lavoro e integrazione sociale.

La Fondazione De Agostini sostiene la start up educativa del progetto della durata di un anno.

U.C.A.P.Te può contare su una rete di relazioni che agevolerà il processo di autonomia: Prefettura, Comune e Provincia di Milano, la Caritas Ambrosiana. Inoltre le Cooperative sociali per la promozione di azioni di accoglienza; l’Associazione «Avvocati per niente» a supporto delle tematiche giuridiche relative a ciascun percorso; le parrocchie della periferia milanese per la sensibilizzazione del territorio in tema di emarginazione, disagio e inclusione sociale; il Sindacato inquilini per l’accesso all’edilizia sociale pubblica.

Link:

www.ucapte.it