Disabilità e “welfare di comunità” nella provincia di Novara: un convegno e una ricerca per ripartire con nuovi progetti

Il sistema dei servizi e degli interventi legati alla disabilità sul territorio della provincia di Novara è caratterizzato da un’elevata frammentazione di attori, interventi, fonti di finanziamento, saperi. È quanto emerge in anteprima da una ricerca condotta da Laura Lazzarotto e Nadia Trabucchi, ricercatrici dell’IRS di Milano, che presenteranno i risultati del loro studio al convegno “Disabilità, associazionismo e welfare di comunità: lo strumento dell’osservatorio”, che si terrà sabato 28 marzo 2009, dalle ore 9.00, presso l’aula magna della Facoltà di Economia dell’Università “Avogadro” a Novara. Con le due ricercatrici interverranno anche l’assessore provinciale alle politiche sociali Massimo Tosi, il presidente di CSV.net Marco Granelli e Alessandro Battistella, consulente dell’IRS.

La ricerca, intitolata “A più voci”, è stata voluta dall’Assessorato alle politiche sociali della Provincia di Novara nell’ambito della sperimentazione dell’Osservatorio delle politiche sociali, alla luce della dichiarazione di intenti tra Provincia di Novara e Associazione Centro Servizi per il Volontariato, finalizzata a promuovere iniziative che coinvolgano i diversi attori del sistema di “welfare di comunità” a favore dei disabili. La ricerca è stata sostenuta dalla Fondazione De Agostini, da sempre vicina alle organizzazioni e alle associazioni che operano sul territorio novarese e disponibile a sperimentare con la Provincia di Novara nuovi approcci alle tematiche emergenti.

Lo studio ha evidenziato l’interesse dell’Assessorato alle politiche sociali e degli amministratori locali ad aprire un confronto sullo stato delle politiche a favore dei cittadini disabili e delle loro famiglie, dando la possibilità alla Provincia di ricostruire il quadro dei servizi pubblici rivolti alla disabilità e all’A.CSV di valorizzare ulteriormente le associazioni di volontariato.

L’indagine condotta da Laura Lazzarotto e Nadia Trabucchi ha sottolineato come le persone, i servizi, le istituzioni e le organizzazioni che si occupano di disabilità in provincia di Novara rappresentino un mondo composito, ricco di motivazione, esperienza e intraprendenza, ma che fatica a leggersi come sistema sinergico e a trovare delle visioni incoraggianti

dei problemi di cui farsi carico. È quindi necessario, secondo le due ricercatrici, che un nuovo sistema di “welfare di comunità” inizi a progettare un’altra visione collettiva di intervento, offrendo ai disabili del territorio una nuova varietà di servizi mirati. Obiettivo raggiungibile attraverso lo sviluppo della cultura e dell’utilizzo della valutazione e del monitoraggio dei problemi, il potenziamento di strumenti di facilitazione e snellimento amministrativo, la circolazione di informazioni e opportunità presenti sul territorio, l’utilizzo e la diffusione degli strumenti di valutazione ICF (vincolante per gli stati membri dell’Unione Europea) per la disabilità.

Iscriviti alla nostra newsletter

Utilizzando il sito, accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra.

Maggiori informazioni.