Disabilità
Progetto concluso

L’officina delle abilità

Offrire a bambini con disabilità e alle loro famiglie un centro socio-educativo specializzato dove le abilità del bambino possano evolvere

Ideato dall’associazione L’abilità Onlus, il progetto consiste nella realizzazione di un centro diurno socio-educativo sperimentale per minori con disabilità medio-gravi, denominato “L’officina delle abilità”. Il centro, che opera in rete con la scuola, gli operatori sociali e i servizi di neuropsichiatria infantile, promuove attraverso interventi mirati le abilità necessarie per acquisire autonomie di base, semplici gesti su cui si costruiscono le autonomie dell’età adulta. “L’officina delle abilità” mette a disposizione dei bambini personale altamente qualificato, che li aiuti a sviluppare percorsi educativi e di autonomia di base, nonché a promuovere l’inclusione scolastica e sociale.

Il centro, realizzato dall’associazione L’abilità Onlus, è sostenuto dalla Fondazione De Agostini e dal Comune di Milano, Assessorato alla Salute.

Questa partnership sigla un accordo importante tra pubblico, privato e sociale, insieme per sostenere un progetto innovativo, che pone le sue radici su una nuova cultura della disabilità, fondata sul codice universale dei diritti umani, per una società che garantisca al bambino con disabilità pari opportunità e non discriminazione.

Partendo da una valutazione concreta e obiettiva delle potenzialità del bambino basata sul modello ICF-CY dell’OMS, un’equipe di esperti redige un Progetto educativo individualizzato per migliorare la qualità di vita di ciascun bambino e il suo inserimento sociale. Tale progetto viene condiviso e sviluppato in rete con i servizi socio-sanitari, gli educatori scolastici e le famiglie. L’equipe si avvale della collaborazione di due importanti poli specializzati di Milano: la Struttura complessa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza dell’Azienda Ospedaliera Niguarda Ca’ Granda e l’Unità di Neuropsichiatria infantile e dell’adolescenza dell’Azienda Ospedaliera Sacco.

Sia le unità di neuropsichiatria sia le strutture scolastiche hanno rilevato evidenti progressi da parte dei bambini già a partire dal secondo mese di inserimento nel CSE.

Il centro socio-educativo sperimentale è aperto dal lunedì al venerdì (dalle ore 11.30 alle 19.30) e coinvolge venticinque bambini con disabilità in età 2-10 anni.

Le storie

Paolo, Roberto e Giorgio

Paolo, Roberto e Giorgio sono fratelli. Paolo e Roberto sono affetti da un disturbo dello spettro autistico. Da diversi anni...

Matteo e Filippo

“Mi chiamo Filippo e ho una famiglia incasinata. Mio fratello si chiama Matteo, lui è nato con dei problemi, è...

Roberta

Roberta è una bambina di sette anni. Roberta ha una tetraparesi. Non parla, non cammina e ha un grave ritardo...

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, e i cookie statistici. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.